Archivio Novaro |  Fondi Letterari  |  Fondi d'arte  |   Spettacolo e narrativa  |  Pubblicità e comunicazione  |  Edizioni

VISITATORE 24573

developed by KITS

La Riviera Ligure

"La Riviera Ligure di Ponente" nasce nel 1895 come mezzo di diffusione dei prodotti della Ditta Sasso. Insieme al listino prezzi pubblica giudizi di clienti, medici, personalità del tempo, ospita rubriche di cucina e giochi a premi. Con una scelta innovativa, la Sasso si propone pertanto con una immagine gradevole, in linea con il gusto dell'epoca, concedendo spazio a tematiche localistiche connesse alla cultura dell'olivo e al paesaggio ligure.

Un radicale mutamento del foglio avviene a partire dal 1899, sotto la direzione di Mario Novaro, il quale - con la definitiva testata di "La Riviera Ligure" - lo trasforma in una innovativa occasione culturale di notevole risalto per i contenuti letterari e pure per l'aspetto grafico-illustrativo, per il quale Novaro chiama a collaborare, tra gli altri, Giorgio Kienerk, Cesare Ferro, Plinio Nomellini, Edoardo De Albertis, Felice Carena, Adolfo Magrini. Il loro contributo si conclude però con gli ultimi fascicoli del 1905. La rivista ospita note firme dell'epoca: da epigoni del classicismo come Francesco Gerace, Giuseppe Lipparini, Giovanni Marradi e Guido Mazzoni, a poeti che guardano a Pascoli e D'Annunzio, come Luigi Orsini e Aurelio Ugolini. Senza aderire a particolari correnti, Novaro accoglie anche giovani autori disponibili a nuove esperienze di scrittura. È il caso di Bino Binazzi, Filippo De Pisis, Lionello Fiumi, Francesco Meriano, Giuseppe Ravegnani, Giovanni Titta Rosa. Ai nomi di Pascoli, Deledda, Pirandello, si aggiungono in seguito altri collaboratori: Campana, Cecchi, che esordisce sulla rivista come poeta, Alvaro, Saba, Rebora, Sbarbaro, Ungaretti, Palazzeschi, Moretti, Papini. Autori tutti destinati a lasciare un segno profondo nella cultura italiana del Novecento.

Dei rapporti di Novaro con scrittori e artisti, oltre ai materiali pubblicati su "Riviera", resta un epistolario ricco di oltre quattromila tra lettere autografe e manoscritti, che appunto costituisce il fondo Mario Novaro e della "Riviera Ligure".
L'intero corpus della rivista, introvabile nelle maggiori biblioteche italiane, è disponibile in formato digitale.

1896   1901
Galleria della Riviera Ligure
1902   1916
Galleria Sasso