Archivio Novaro |  Fondi Letterari  |  Fondi d'arte  |   Spettacolo e narrativa  |  Pubblicità e comunicazione  |  Edizioni

VISITATORE 23503

developed by KITS

Mario Novaro

Mario Novaro (Diano Marina 1868 – Ponti di Nava 1944) compie studi universitari a Vienna e Berlino, laureandosi in filosofia nel 1893 nell’Università tedesca con una tesi su Malebranche.

Due anni dopo consegue la laurea anche all’Università di Torino e pubblica i suoi primi scritti: Lettera a Simirenko (1890), La teoria della causalità in Malebranche (1893), Il Partito Socialista in Germania (1894), Il concetto di infinito e il problema cosmologico (1895). La formazione tedesca, le lezioni di economia politica di Wagner, il legame con Gustavo Sacerdote, ebreo piemontese trapiantato a Berlino e corrispondente di giornali socialisti italiani, nonchè i rapporti con l’ambiente torinese formano un significativo quadro dei contatti culturali e politici di Novaro.

Stabilitosi a Oneglia (oggi Imperia), diventa assessore comunale per il giovane partito socialista e, dopo un breve periodo di insegnamento nel locale liceo, si inserisce con i fratelli nell’industria olearia di famiglia intestata alla madre Paolina Sasso. Questa attività non gli impedisce di continuare a coltivare interessi letterari e culturali attraverso la direzione di "La Riviera Ligure", l’edizione di Pensieri metafisici di Malebranche (1910), della raccolta di poesie Murmuri ed echi (1912, poi rielaborata in cinque successive edizioni), e di Acque d’autunno del taoista cinese Ciuangzé (1922). Successivamente cura la pubblicazione delle opere dell’amico e collaboratore Giovanni Boine (1921 e 1938/39) e Alcune lettere inedite di Giovanni Pascoli (1934) a lui indirizzate durante il periodo di "Riviera".

Bibliografia

MARIO NOVARO

                      Mario Novaro con i compagni di università a Berlino (1893) 
                      Mario Novaro e la moglie Maria Tarditi  (fine '800) 
                      La casa di Novaro a Oneglia 
                      Mario Novaro e la moglie Maria Tarditi (inizio '900)

                      Mario Novaro la moglie e i figli Guido e Cellino (1915)    
                      Mario Novaro (anni '20) 
                      Mario Novaro (anni '20) 
                     Mario Novaro (fine anni '30)